HomeEvexhibitionsNotte in Bianco

Mostre


In Corso

Future

Archivio

Il Paradigma di Kuhn – atto secondo
27 Jan 2018 — 28 Feb 2018
Il Paradigma di Kuhn – atto primo
21 Jan 2018 — 31 Mar 2018
Ogni colore dipinge se stesso e anche gli altri

Eugenia Vanni

30 Sep 2017 — 11 Nov 2017
Extra Moenia

Helena Hladilovà, Namsal Siedlecki

29 Jun 2017 — 11 Sep 2017
Lo Spazio Punto

Marco Andrea Magni

06 Dec 2016 — 18 Feb 2017
An Archaeology of The Oath

Oscar Abraham Pabón, Eugenia Vanni

01 Oct 2016 — 28 Nov 2016
Notte in Bianco

Serena Vestrucci

02 Apr 2016 — 28 Jun 2016
Lotteria Immanuel

Christian Manuel Zanon

19 Jan 2016 — 04 Mar 2016
Tapping in The Dark

Edith Dekyndt, Sophie Giraux, Mario De Brabandere

22 Sep 2015 — 21 Nov 2015
To Be Titled

João Freitas

02 May 2015 — 25 Jun 2015
Vaalbara

Giovanni Giaretta, Renato Leotta, Cesare Pietroiusti

17 Feb 2015 — 12 Apr 2015
Allegoria #2. La Pittura Oltre se Stessa

Angelo Sarleti, Michele Tocca

19 Sep 2014 — 19 Nov 2014
Point of View Pitture Imperfette

Sara Enrico, Helena Hladilovà, Pietro Manzo, Giovanni Oberti

16 Mar 2014 — 26 May 2014
De Sculptura

Giulio Delvè, Namsal Siedlecki

24 Sep 2013 — 16 Nov 2013
Il Primo Giorno di Sole

Serena Fineschi

04 May 2013 — 30 Jun 2013
Genealogia #3

Francesco Carone

09 Mar 2013 — 30 Apr 2013
Più Giovani di Così non si Poteva

Marco Andrea Magni

27 Oct 2012 — 05 Jan 2013
Mein Gebiet

Luca Cutrufelli

22 Jun 2012 — 31 Jul 2012
Genealogia #2

Giovanni Ozzola, Remo Salvadori

17 Mar 2012 — 30 Apr 2012
Genealogia #1

Emanuele Becheri, Carlo Guaita

22 Sep 2011 — 11 Nov 2011

Notte in Bianco


Serena Vestrucci

02 Apr 2016 — 28 Jun 2016
Opening: 02 Apr 2016


Ci siamo ritrovati in una grotta di mattoni. È accaduto tutto così velocemente, che non ho fatto in tempo a rendermi conto di chi fossero gli altri e del perché ci avessero portati lì. Secondo alcuni si trattava di una caverna in cui saremmo dovuti restare immobili, in silenzio, senza sapere fino a quando, nella speranza che qualcuno si accorgesse di noi. A me pareva più un buco dal quale di tanto in tanto intravedevo dei visi che con aria scettica mi fissavano distrattamente per qualche istante, per poi tornare sui loro passi, con l'espressione perplessa di chi avrebbe voluto sentire appagata chissà quale aspettativa, e appagato non era. Provavo a riconoscermi come nuovo abitante di quell’ambiente artificiale. Sembrava che la natura fosse stata chiusa fuori e che chi veniva a farci visita cercasse con noi un contatto verbale, senza capire invece che non parlavamo la stessa lingua e che per conoscerci servivano gli occhi. Quando sono stato io a provare a rivolgermi ai miei simili, mi sono reso conto che nessuno di noi poteva guardare gli altri, e che proprio il dispositivo che oscurava la nostra capacità di vedere - ed essere visti - ne era in realtà un amplificatore, in quanto concentrava la possibilità di osservare.

È stato allora che mi è diventato chiaro come, proprio attraverso un processo di costrizione della vista, poteva essere favorita l’esperienza della mimesi dello sguardo. Nelle settimane seguenti sentivo che la temperatura esterna stava salendo e che le giornate iniziavano ad allungarsi. Poi è arrivato uno strano momento in cui ci hanno spostato dalle nostre posizioni e chiuso dentro alcune casse.Da allora non ho più visto niente.

Download press release


Back to exhibitions