HomeEvexhibitionsAllegoria #2. La Pittura Oltre se Stessa

Mostre


In Corso

Future

Archivio

Il Paradigma di Kuhn – atto secondo
27 Jan 2018 — 28 Feb 2018
Il Paradigma di Kuhn – atto primo
21 Jan 2018 — 31 Mar 2018
Ogni colore dipinge se stesso e anche gli altri

Eugenia Vanni

30 Sep 2017 — 11 Nov 2017
Extra Moenia

Helena Hladilovà, Namsal Siedlecki

29 Jun 2017 — 11 Sep 2017
Lo Spazio Punto

Marco Andrea Magni

06 Dec 2016 — 18 Feb 2017
An Archaeology of The Oath

Oscar Abraham Pabón, Eugenia Vanni

01 Oct 2016 — 28 Nov 2016
Notte in Bianco

Serena Vestrucci

02 Apr 2016 — 28 Jun 2016
Lotteria Immanuel

Christian Manuel Zanon

19 Jan 2016 — 04 Mar 2016
Tapping in The Dark

Edith Dekyndt, Sophie Giraux, Mario De Brabandere

22 Sep 2015 — 21 Nov 2015
To Be Titled

João Freitas

02 May 2015 — 25 Jun 2015
Vaalbara

Giovanni Giaretta, Renato Leotta, Cesare Pietroiusti

17 Feb 2015 — 12 Apr 2015
Allegoria #2. La Pittura Oltre se Stessa

Angelo Sarleti, Michele Tocca

19 Sep 2014 — 19 Nov 2014
Point of View Pitture Imperfette

Sara Enrico, Helena Hladilovà, Pietro Manzo, Giovanni Oberti

16 Mar 2014 — 26 May 2014
De Sculptura

Giulio Delvè, Namsal Siedlecki

24 Sep 2013 — 16 Nov 2013
Il Primo Giorno di Sole

Serena Fineschi

04 May 2013 — 30 Jun 2013
Genealogia #3

Francesco Carone

09 Mar 2013 — 30 Apr 2013
Più Giovani di Così non si Poteva

Marco Andrea Magni

27 Oct 2012 — 05 Jan 2013
Mein Gebiet

Luca Cutrufelli

22 Jun 2012 — 31 Jul 2012
Genealogia #2

Giovanni Ozzola, Remo Salvadori

17 Mar 2012 — 30 Apr 2012
Genealogia #1

Emanuele Becheri, Carlo Guaita

22 Sep 2011 — 11 Nov 2011

Allegoria #2. La Pittura Oltre se Stessa


Angelo Sarleti, Michele Tocca

19 Sep 2014 — 19 Nov 2014
Opening: 19 Sep 2014
A cura di: Alberto Mugnaini


La galleria FuoriCampo inaugura la nuova stagione espositiva venerdì 19 settembre alle ore 19 con la mostra “Allegoria#2. La pittura oltre se stessa“ che prosegue il dialogo tra Angelo Sarleti, Michele Tocca e Alberto Mugnaini iniziato nell'ultima delle quattro mostre che la galleria ha presentato nel temporary space di Bruxelles prima dell'estate.
Nello spazio di Siena gli artisti si confrontano adesso con la complessa identità di questa città esponendo una serie di nuove produzioni, realizzate per la mostra, in cui si celebra l'allegoria della pittura tra virtù e vizi contemporanei.

“A Siena,
sul suo sito fisico e dentro la sua storia, la pittura si fa ground-specific:
non rispecchia o legge il luogo sovrapponendosi ad esso, ma si accampa sul luogo,
si fa essa stessa luogo.
Come esterrefatta, si ancora alla terra e si fa cronaca della sue reliquie invisibili,
si colora e si incorpora in terra di Siena.

La pittura oggi non può non avere, come unica cornice superstite, la sua tradizione, la storia in cui è contenuta e che per una porzione infinitesimale è tenuta non solo a proseguire, ma anche a riscrivere, o forse a reinventare: la pittura sussiste qui come ermeneutica del luogo e svolgimento delle sue memorie. Può parlare solo di se stessa, riflettere sui modi del suo prendere campo e del suo sussistere all’interno di un linguaggio di pennellate e di colori, di come si pone dentro il suo tempo e come se ne tira fuori, ma esercita, al contempo, la sua prerogativa di dire altro e dire oltre, di dialogare col luogo, im-ponendosi nello stesso momento in cui si es-pone.


Back to exhibitions